fb

cell 3517811125

image home new mani vert

image home new mani vert2

Nella serata di martedì 10 ottobre, presso i locali del CFP Nazareno di Carpi, si è tenuta una serata formativa, molto partecipata da insegnanti e famiglie, nell’ambito del progetto Kombolela.

La tematica affrontata “Chi sono e come possiamo supportare i ragazzi ‘difficili’” spiegata dalla psicologa e psicoterapeuta Chiara Marchi e con conseguente intervento del Servizio Sociale Area Minori e del Centro per le famiglie dell’Unione delle Terre d’Argine ha riscosso molto successo. 

Si è cercato di fare chiarezza sul termine “deviante” quando ci si riferisce ai ragazzi che hanno condotte antisociali, termine molto generico e spesso erroneamente usato. Attraverso il termine “difficile” si è invece cercato di spiegare meglio le situazioni alle quali normalmente si fa riferimento, come distinguerle e con quale grado di gravità. 

Si è poi parlato dei vari progetti attivi sul territorio rivolti agli adolescenti, sia quelli che si rivolgono singolarmente al minore come, ad esempio, sportelli di ascolto e Consultorio, sia programmi proposti da enti del Terzo Settore come Kombolela. Il progetto Kombolela è un progetto contro la dispersione scolastica proposto dall’Unione delle Terre d’Argine di cui la Cooperativa Sociale Eortè è capofila ha, nello specifico, come obiettivo quello di supportare i minori (13-17 anni) che vivono un disagio giovanile all’interno del territorio, per via di pendenze penali già esistenti o percorsi personali che virano palesemente verso il penale. 

Lo scopo è proprio quello di formare dei percorsi alternativi specifici per il recupero comportamentale di ogni soggetto coinvolto; percorsi volti al reinserimento sociale che cercano di contrastare anche l’abbandono scolastico che il più delle volte avviene. 

Un punto fondamentale è quello delle metodologie di monitoraggio dei comportamenti che possono portare a condotte anti sociali, ma anche come osservare e riconoscere le casistiche  che richiedono una segnalazione ed intervento. 

Gli istituti scolastici sono il luogo in cui maggiormente ci si accorge del disagio che alcuni adolescenti vivono, e gli insegnanti devono essere occhi attenti per captare ed attivare la rete di aiuto ed intervento affinché si prevenga un decorso della situazione singola. 

Attraverso il monitoraggio, il dialogo e la presenza di una rete territoriale i minori possono essere supportati e affiancati da professionisti in percorsi di ascolto; al contempo possono partecipare a programmi formativi con l’obiettivo di riassestare il percorso personale che, nell’adolescenza, può intronare ostacoli, sia a livello personale che a livello scolastico. 

photo2

GUARDA LA
PHOTOGALLERY

rassegna2

LEGGI LA
RASSEGNA STAMPA

calendario

VAI AL
CALENDARIO

CONTATTI

Cooperativa sociale Eortè

 

Sede legale: Via Montecuccoli, 124 - Limidi di Soliera (Mo)

C.F. 03334860362 - P.Iva 03334860362

 

Sede operativa: Via Monterotondo, 16 - Carpi

Tel. 3517811125 - eorte@eorte.it

CERCA NEL SITO

PRIVACY E COOKIE POLICY

Privacy Policy

Cookie Policy

VISITE

SEGUICI SU

fb bianco3